domenica 22 novembre 2009

Una caduta… di stile

"...non mi accorgo che, essendo cambiato per l’ennesima volta il senso di marcia della strada, la fermata è stata ri-spostata sulla via attigua." Sono un caso irrecuperabile!
Ieri mattina dovevo andare al lavoro e come al solito ero già in ritardo, dunque, da bravo pendolare quale sono, corro corro corro a prendere il pullman e non mi accorgo che, essendo cambiato per l’ennesima volta il senso di marcia della strada, la fermata è stata rispostata sulla via attigua.

Mentre sono lì che impaziente aspetto pazientemente quel pullman che sembra non arrivare mai, inaspettatamente scorgo con la coda dell’occhio il catorcio in questione che gira dall’altra parte…
Improvvisamente realizzo tutto e mi metto a correre per raggiungerlo…

inciampo

Risultato dei miei vani sforzi:

Le mie (ad essere sinceri scarsine) doti atletiche non mi aiutano affatto nell’atavica impresa e, piegando non si sa come i piedi in senso antiorario l’uno, in senso orario l’altro, prendo una storta per piede capitombolando prepotentemente contro il marciapiede e proprio nel punto più zozzo che c’era, sopra un‘accozzaglia di bricioloni poltigliosi unti e bisunti a uso e consumo dei piccioni che svolazzano via terrorizzati dal mio improvviso piombar su di loro.

Mentre cado sempre più giù il mio unico pensiero non è però mettermi in salvo…. ovviamente no… durante quei veloci istanti i pensieri che si accavallavano nella mia mente erano sostanzialmente tre:
"...un‘accozzaglia di bricioloni poltigliosi unti e bisunti a uso e consumo dei piccioni che svolazzano via terrorizzati dal mio improvviso piombar su di loro" Pensiero Numero UNO:Ma proprio su questa poltiglia schifosa mi devo ritrovare a cadere??? Che sfiiiiiga!!!”
Pensiero Numero DUE:Oh NO!!! Se cado rischio di rovinare irrimediabilmente la mia tracolla Piquadro super-trendy!”
Pensiero Numero TRE:Cacchio il telefono nuovo!!! (che in quel momento tenevo in mano) Se per attutire la caduta poggio le mani per terra rischio di sfracellarlo e mandarlo in mille pezzi!”

L’istinto primario è importante e ha sempre la meglio, così il mio Io più profondo decide cosa vale la pena salvare e cosa bisogna sacrificare… la pellaccia o i beni di lusso???
Io e Superio: una lotta per la salvezza!Ecco cosa ha deciso l’istinto:
I piedi cedono, il corpo, vittima della gravità, cade inesorabilmente verso l’inquietante poltiglia piccionosa ma il cervello è ben deciso a non darla vinta a nessun costo, dunque la mano si rifiuta categoricamente di cercare appiglio… la fine è imminente… in poche parole secondo la mia psiche più profonda un paio di costole rotte sono cosette da nulla di fronte all’integrità del favoloso N97!

Per fortuna, a parte un po’ di dolore, qualche ammaccatura da nulla e gli abiti sporchi e impiastricciati non mi sono fatto nulla… e alla fine sono riuscito a ripulirmi in maniera abbastanza decente in modo da essere presentabile al lavoro!!!

Ho comunque capito che dovrei fare terapia psichiatrica perché sono ossessionato da questo telefonino… ma soprattutto ho capito che la prossima volta devo stare più attento a dove metto i piedi!!!

10 Favolosità:

stella ha detto...

Favoloso...e soprattutto non uscire in ritardo da casa!
Bell'avventura va!!!

Favoloso ha detto...

Buon giorno e buona domenica Stella... anche ogi lavoro e Palermo sarà piena di traffico e tifosi, infatti giocano in casa contro il Catania... se sopravvivo agli scontri a fuoco sarò qui per raccontarlo stasera!!!

Alfa ha detto...

Ogni tua singola avventura diviene favolosa nelle pagine virtuali di questo diario.
Attento a dove metti i piedi!

PS
Oggi, nella battaglia tra tifosi, pensa a me.

Se sopravvivi ti dico il perché.
;)

Felinità ha detto...

Sei ormai un caso disperato anche per uno bravo, ma molto bravo ....
Un saluto caro e felino miaoooooo

Favoloso ha detto...

@Alfa: non dirmi che sei un ultrà catanese o palermitano perchè proprio non ci credo... in questa battaglia calcistica tra il bene e il male io sono un po' come la svizzera: nun me ne può fregà del meno!

@Felinità: Messer Freud con me si sarebbe fatto due risate e poi avrebbe mollato. Però prima si sarebbe chiesto certamente cosa é un cellulare

Federica ha detto...

sto ridendo come una matta!!!

Favoloso ha detto...

@federica: e pensa a quelli che assistevano alla scena. Gli unici che non ridevano erano i piccioni a cui ho rovinato la colazione!

Vele/Ivy ha detto...

Nooooooooooooooo, povero Favoloso! Però dai, almeno è finito tutto bene! ^___^
Ahahah, scrivi in modo troppo divertente!

Favoloso ha detto...

@Vele/Ivy: grazie per i complimenti... In questa storiaccia però di favolosa c'è stata solo la caduta :-)

lella ha detto...

più che alla caduta.... di stile la prossima volta mi guarderei bene dal prendere un telefonino che ti ossessiona a tal punto da preoccuparti + x lui ke x te.
Ma un bel modello da 70/80 euro ke quando cade amen ,morto quello se ne ricompra un altro?
Uèhhh come è andata con il Catania?
Immagino ke atmosfera ahahahha avrei voluto vederla quella partita!
p.s.vieni a vedere il mio nuovo look,non passi mai da quelle parti?
kiss
Lella

Post Your Comment (looking for the old comment form?)

...e che sia favoloso!!!