venerdì 31 luglio 2009

Le gioie del vicinato #2

A  grande richiesta eccomi pronto a postare un altro personaggino delizioso in questa nuova rubrichetta che mi farà odiare da tutto il vicinato presente, passato e futuro…
Oggi parliamo di una altro caso umano che ho dovuto sopportare per ben sette anni consecutivi: La Grassona!

 
Nome d’arte 

  La Grassona


Professione:
Disoccupata cronica
ma dotata di grande inventiva, riusciva a trovare sempre nuovi lavoretti più o meno leciti: badante, assistente agli anziani, truffatrice, cuoca, casalinga, animatrice, donna delle pulizie, maniscalco e tutto quello che le passava per la testa;

Provenienza:
Probabilmente da Sing-Sing o roba del genere;

Stato:
Fuggita con disonore;

Caratteristiche Salienti:
Grassa, finta bionda, sdentata, maleducata: la Grassona è davvero un tipino indimenticabile!
Mi sembra di vederla ancora lì, con quel suo abitino casalingo a fiori, seduta sui gradini del primo piano a fumare la sua infinita sigaretta!
Era venuta a vivere in un minuscolo bilocale da venticinque metri quadrati, peccato che lei da sola occupasse già trenta metri quadri: non si è mai capito come facesse ad entrarci.

La Grassona
era davvero una tuttofare e non si perdeva mai d’animo di fronte alle sue perenni difficoltà economiche: già nel suo primo giorno di vicinato si è buttata sui fornelli, poi ha iniziato a bussare a tutte le porte cercando di vendere i suoi dolcetti con scarsi risultati. 

Nonostante la sua indole battagliera, si dimostrava a sprazzi gentile e disponibile col vicinato: un giorno per esempio una vicina di casa era rimasta chiusa fuori e la Grassona, con il solo aiuto di una forcina per capelli, è riuscita a scassinare la porta dell’appartamento.
Questo atto di gentilezza ha però suscitato molte perplessità nel vicinato, che ha iniziato ad indagare sul suo conto scoprendo che la Grassona aveva un passato turbolento fatto di assegni  scoperti, furti con scasso e truffa aggravata. Però nel condominio non ha mai rubato neppure un sottovaso ed era molto utile specialmente quando uno scordava le chiavi. 

La Grassona aveva il brutto vizio di litigare, lamentarsi, criticare. Soprattutto con me, forse mi odiava o forse voleva solo attirare la mia attenzione, chissà.
La Grassona non perdeva occasione di lamentarsi di me, ignorava però una cosa sul mio conto, e cioè che ero io a condurre il suo programma radiofonico preferito.

Che fine ha fatto: 
Un giorno è scappata dal palazzo senza pagare mesi e mesi di affitto arretrato. Però ha fatto in tempo a salutare i vicini e ad inventarsi che andava a vivere in una grande villa con giardino in periferia.
Probabilmente invece ha trovato un tugurio ad affitto bassissimo, ma a me piace credere che se la stia spassando davvero in una villa in campagna, in fondo la trovavo simpatica!

Morale della favola: Grasso è bello!

13 Favolosità:

Den ha detto...

La vorrei conoscere questa grassona... sembra veramente un tipo particolare!!! :)

Tarkan ha detto...

@Den: conoscerla è una cosa, averla come vicina è ben altro! Comunque non mi spiego come in un palazzo elegante e caratteristico come il mio arrivino solo vicini di casa sui generis! Deve aleggiare una specie di maledizione lanciata da qualche mio avo...

sirio ha detto...

Beh, non tutti i mali vengono per nuocere...nel senso che è venuta, ha fatto la sua brava telenovela (tanto vanno di moda...) e poi se n'è andata!
P.S. Mentre le fiction per tv vanno avanti per miliardi di puntate...

Ciao, buona fine settimana!

Tarkan ha detto...

@Sirio: hai ragione, ma in relatà la grassona era solo un personaggio della mia personale telenovela chiamata "il condominio".
E purtroppo, come accade nelle telenovelas, quando un personaggio esce dal cast, un altro peggiore è già pronto per entrare!!!

Felinità ha detto...

E poi non è detto che a volte non tornino, nei Bbbbiutifullll di turno i morti resuscitano, figurati le vicine grassoccie e piene di risorse ......
Alla prossima puntata Miao

Tarkan ha detto...

@Feli: verissimo, ma questa qui prima dovrà uscire di prigione e se torna temo che il padrone di casa la inseguirà con un randello, visto che deve svariati mesi d'affitto...

stella ha detto...

Però sotto sotto un po' di simpatia la ispira.

Pupottina ha detto...

eheheheheh
grasso è bello e simpatico!!
mi viene da dedurre dal tuo racconto.
nonostante i precedenti, cercava di rimboccarsi le maniche e se non ha rubato tentava anche di inserirsi nella società , però, non ha avuto molte scelte...
conducevi un programma in radio?
quante sorprese riservi, Tarkan!!!
buon weekend
^_________^

Tarkan ha detto...

@Stella: anche a me, adesso che se ne è andata, però!

@Pupottina: sì è stata sfortunana, tra l'altro anche La Grassona riservava sorprese e aveva un cuore d'oro: ho scoperto poi che faceva volontariato e nei week-end ospitava dei bambini provenienti da una famiglia povera e sperava un giorno di adottarli... incredibile come spesso le apparenze ingannino!
P.S.Sì, il mio passatto è molto "artistico" e ho fatto un po' di tutto! E non credo di essere l'unico blogger!

Alfa ha detto...

Mi sembra un personaggio di Ozpetek...

Così facevi anche il DJ?
Bravo Tarkan, sei una continua sorpresa...

Io ha detto...

Tarkan ho letto il commento non sono sparito ho semplicemente DIMENTICATO LA MAIL d'accesso al blog, si può essere + scemi??
Ho aperto un nuovo blog con un amico
Ciao
Ahhh sono Matty

la signora in rosso ha detto...

Spero che non venga abitare nell'appartamento vicino al mio, momentaneamente libero!

Train of thought ha detto...

Questa è la canzone adatta al tuo post

http://www.youtube.com/watch?v=Z7TSlEnq5c0

Post Your Comment (looking for the old comment form?)

...e che sia favoloso!!!