lunedì 8 giugno 2009

Candy Candy come me la ricordo (8)

Mentre Candy se la spassa a lavorare gratis dal veterinario alcolizzato radiato dall’albo, si susseguono eventi terribili:

Stear decide di partire per la guerra. Dopo una fugace notte d’amore con una crocerossina, Flenny, ci resta secco già alla prima missione. A Candy si rompe un carillon proprio in quel momento.

carillon-foto-1 Quel carillon, chiamato “il carillon della morte” fu poi venduto su e-bay e causò la morte cruenta di ventidue altre persone, prima di essere distrutto per sempre. Una leggenda metropolitana narra però che venne rimontato pezzo per pezzo e che ancora giri per il mondo pronto ad annunciare la morte!

Attenzione!!! Momento Clou!
Terence sta provando con la sua partner di sempre, Susanna Marlow, una scena di “Giulietta e Romeo” (ma esiste solo quest’opera???) quando un riflettore si stacca proprio sopra la testa di Terence (si dice che il carillon di Candy si sia fermato ancora!).
“Attento Terence!” è il grido disperato di Susanna che gli si butta contro per salvarlo. Risultato: Terence è salvo, ma Susanna si ritrova con una gamba amputata.

Ci tengo a dire che questi riflettori che cadono sono una vera e propria calamità! Anche alla povera signora Tzukikage di “Maya” cadeva un riflettore addosso, anzi, in faccia e addio occhio destro! (anche lì il carillon di Candy smise di suonare!)
E una volta uno stava per cadere addosso anche a me, davvero!
Amici teatranti, facciamo qualcosa perché cose di questo genere smettano di accadere! Fate una donazione alla A.I.Vi.R. (Associazione Italiana Vittime dei Riflettori).

243186candy_dvd365 Tornando a noi, adesso Terence si sente vincolato a stare accanto a Susanna e financo a sposarla, ma in realtà quella insipida biondina gli è stata sempre sui cosiddetti. Così inizia a bere e abbandona al strada del teatro.

Candy intanto trova lavoro, unica donna tra gli uomini, tra i minatori delle montagne rocciose.
Dopo aver coraggiosamente affrontato un viaggio in treno che sembra quello del Disneyland, dopo aver tentato di far arrestare un maniaco sessuale che poi si rivelerà essere una dottoressa, dopo aver evitato (quasi) tutte le avances e le provocazioni dei minatori, Candy decide di tornare a Londra.

E qua siamo quasi alla fine della storia… un po’ di suspense, nel prossimo post saprete finalmente il finale bislacco di una storia bislacca!

3 Favolosità:

stella ha detto...

Ciao tesoro, fatti vivo!

Stella ha detto...

mi ricordo della signorina Tzukikage, probabilmente lontana cugina di suor Gray (parenti in cattiveria)

Ciao!

Antonio ha detto...

ahahh grandeeeee!!!!

Ciaoooooo!

Post Your Comment (looking for the old comment form?)

...e che sia favoloso!!!