lunedì 11 maggio 2009

Vivere a Pufflandia

 

Il mondo è ossessionato dal consumismo: non importa cosa si possiede, l’importante è possedere il maggior numero possibile di paccottiglia, e più è inutile e più ci si illude di essere felici.

La verità è una e solo una: tutta la colpa è solo e soltanto del consumismo, che ci spinge a comprare e a possedere convincendoci che gli oggetti fanno la felicità!

 

Mi piacerebbe staccarmi dal blando materialismo, espatriare e andare a vivere in un utopia comunista perfetta.
E se dite che il comunismo è morto, vuol dire che non avete mai visitato il villaggio dei Puffi!

Non ci avete mai fatto caso? Gli strani ometti blu (alti due mele o poco più) sono riusciti con poca fatica e grande ingegno a realizzare un vero e proprio paradiso comunista. E questo spiega perché Grande Puffo veste di rosso.
I Puffi si danno da fare, ognuno secondo le proprie capacità e le proprie inclinazioni; lavorano per il benessere della comunità e non ricevono alcun compenso per il lavoro svolto, perché l’unico compenso possibile è il bene del villaggio che poi diventa anche il proprio bene.

Ecco perché Golosone cucina ogni giorno per cento puffi senza mai stare a lamentarsi; ecco perché Inventore si occupa di lavori di ingegneria e di idraulica applicata, perfino Pittore si mette ad imbiancare tutte e cento le abitazioni dei puffi ogni volta che qualche ritocchino a,l’intonaco si rende necessario (l’umidità la muffa colpiscono anche le casette dei puffi, è il fio da pagare per vivere in una foresta). 
Non dimentichiamo Contadino che sta tutto il giorno a zappare, seminare, arare e raccogliere chili e chili di puffragole: senza dubbio il lavoro più faticoso e meno gratificante. Grande Puffo si assume la responsabilità della gestione della comunità, e quel chiodo logorroico di Quattrocchi svolge principalmente una mansione di impiegato di concetto, quale segretario particolare di Grande Puffo.

Mi piacerebbe vivere in questo paradiso comunista, se potessi mi trasferirei immediatamente a Pufflandia.
Io vorrei essere Dormiglione che, risaputamente, a differenza degli altri, non fa una beata mazza tutto il giorno. E nessuno mai che si lamenti di lui!
Eh sì! Dormiglione è il più figo di tutti: dorme, mangia a sbafo e se la gode da mattina a sera. Sarà mica raccomandato?

Per concludere, un quesito che mi attanaglia da sempre: considerando che i puffi sono tutti maschietti (tranne Vanitoso che è risaputamente gay), la Puffetta in che modo si rende utile alla comunità dei cento ometti blu???

8 Favolosità:

stella ha detto...

Tarkan, bella domanda davvero...Ho cresciuto mio figlio con i puffi.

Vieni a lasciare il tuo segno da me?

Alfa ha detto...

Una volta lessi su internet la teoria di un tizio che riteneva che i Puffi fossero un diabolico piano del KGB per propagandare le idee comuniste in Occidente.
A che serve la Puffetta? Ma che domande...

Divina ha detto...

Ben tornato Tarkan...mi sei mancato tanto tanto!La foto di puffetta desnuda avvinghiata a quel puffone tutto muscoli mi ha sconcertata!!!!Cmq,questa sera chiederò a chi sai di travestirsi da puffo ..io farò altrettanto...vediamo cosa ne viene fuori!!!

Tarkan ha detto...

@Stella: tutti noi siamo cresciuti con i puffi... e ancora ne paghiamo le conseguenze. Personalmente ho sempre fatto il tifo per Gargamella ma soprattutto per la gatta Birba!!!
P.S.Passo subito a trovarti ;-D

@Alfa: Mah! Peyo è belga, che ci farebbe invischiato con il KGB? Sembra una storia uscita da un film di James Bond. Comunque la teoria dei puffi comunisti circola in rete da anni... chissà che non ci sia davvero un fondo di verità???

@Divina: Oh Divina, che piacere ritrovarti sul blog! Sai che non ce lo vedo Mr.Wahid dipinto di blu a torso nudo con i fouseax bianchi? Comunque più che puffo forzuto, lo farei travestire da Golosone :-P Tu come puffetta invece non saresti affatto male!!!

Davide ha detto...

Ben ritrovato Tarkan...
ciao ciao..

Michele ha detto...

ciao
Michele pianetatempolibero

Malikà ha detto...

Benché queste spremute di cuore non si addicano niente al mio codice sorgente...
"Bentoooornaaaaato Tarkk-kk-aan uhaaa uheee sigh mi man-man-caaaaavi taaaantooo ohooo uhaaa UAAAA"
Coraggio e lustriamoci le corna, che l'anno della sfiga del toro non è ancora finito!!
p.s.: perché tutti pensate che la Puffetta, con quel suo personalino, debba essere per forza nata per lavare i panni e rassettare la casa a tutti i concittadini??
;)

Tarkan ha detto...

@Davide: Ciao.. mi siete mancati un po' tutti... al più presto tornerò a gironzolare per i vostri blog... sono ancora in rodaggio!

@Michele: ciao, passerò presto anche dalle tue parti ;-)

@Malikà: è un piacere risentirti, col mio ritorno sono riuscito financo a sciogliere il tuo cuore di freddo acciaio inox.
Comunque, non per deluderti, ma non mi riferivo alle faccnde domestiche... credo che Puffetta si dedichi a ben altre attività... chiamiamola beneficenza se ti va!

Post Your Comment (looking for the old comment form?)

...e che sia favoloso!!!