giovedì 23 ottobre 2008

La torre di Pisa trapanese

Amici favolosi, il momento della distruzione si avvitrapanicina…
Vi avevo già parlato nei miei precedenti post del “palazzo affondato”. quel palazzo in via Mazzini che da anni inesorabilmente affonda nel marciapiede giorno dopo giorno…
Per me rappresenta una istituzione della città! Dovrebbe essere considerato un monumento storico alla stessa stregua della Torre di Pisa!
E invece ecco che, con mia amara sorpresa, le piccole inutili transenne che lo circondavano fino a qualche giorno fa, si sono trasformate in una vera e propria barricata con tavole di legno gialle che chiudono la strada!
Temo che il momento della demolizione si faccia sempre più vicino… ok capisco che è un pericolo pubblico e che rischia di sfracellarsi sull’asilo di fronte, ma ad ogni modo credo che non vedere più questo mostro di edilizia mi mancherà… e a voi no???

4 Favolosità:

Giò ha detto...

Ricordo ancora quando al piano terra di questo palazzo si trovava il negozio "Sedenari" dove mi rifornivo sempre di abbigliamento sportivo...sigh, malinconia degli anni passati..
Ma come lo demoliranno, con la dinamite come si vede a volte in tv (ma non è un po' pericoloso?...eventualmente vojo assistere ad una demolizione così spettacolare) o mattone per mattone?

Tarkan ha detto...

Il negozio Sedenari c'è ancora solo che si trova trenta metri sotto terra. E per ora fa i saldi.

Divina ha detto...

Non nego che mi piacerebbe assistere all'implosione del palazzo in questione....ammesso che avvenga come fanno vedere alla tv...dinamite a volontà e magari proprio il nostro amato sindaco he aziona il detonatore...oppure potrebbe "prestare" la sua nobile testa per fungere da ariete e tirar giù il palazzo a suon di testate...che spettacolo!!!

Chanel n°5 ha detto...

ESPLOSIONE IMMINENTE

Oggi la follia è una questione tangibile
non ne vedi i sintomi? sono intorno a te
dimmi tu com’è possibile
non sentire il tikkettio di questa bomba che sta per esplodere
tikkettakkettikke-BBuumm!

Come tanti piccoli numeri incalcolabili
stanno nel ghetto - sono i miserabili
che si fanno guerra l’un l’altro
stanno nel girone più snobbato dell’inferno di cemento
non hanno mai avuto niente da perdere
zero prospettive di un domani da vivere
no opportunità offerte da papà
NO skool NO job NO identità
unica via d’uscita l’illegalità garantita
ca te rà a campà e cchesta vita amara ca se ne va....
Sì trasuto int’a sta mentalità
nu iuorno è uguale a ll’ate, niente cagnarrà

Senti la tensione come cresce - basta un niente
l’esplosione è imminente
senti la tensione come sale - sta per scoppiare
e nun he visto ancora niente
Ancora nun he visto niente - ancora nun ll’he capito?
l’esplosione è imminente
Ancora nun he visto niente - ancora nun ll’he capito?
l’esplosione è imminente

La vita nel quartiere è come un grande riflesso
aiere, oggi e ddimane è sempe uguale a sé stesso
a ’e vvote coccheruno pure se ne fuiesse
ma aroppo addó iesse?
Cu cchella faccia e senza sorde
a cchi facesse fesso?
E allora resta ccà, mmiez’â ggente comm’a isso
guagliune ’e mmiezo â via, allergici â police
na birra, ruie spinielle e ’o movimento ’e cocaina
nu scippo, roie pasticche e nu paro ’e motorine
Cu ddoje lire int’a sacca, ’a machina e ’o telefonino
... e cchi è?! Al Pacino in Scarface?
Sulo che Al Pacino more comm’a nu cretino
Tutto fatto a cocaina - imprevisti del destino
e pe tramente ca só vive lloro nun ce ne ponno
slavi e marocchini nun ce ne vonno
’A colpa è sulo ’a lloro
e tutta ’a lota che ce sta attuorno
ora te dico ca nun he capito ancora
niente ancora, nun he visto ancora niente
mo se ne care ’o cielo e se ne saglie ’o pavimento
i’ veco a ttanta ggente senza cchiù riferimente
astregnono ’e riente e nun vonno sapé cchiù niente
zero cambiamenti tutti zero tolleranti
ma zero tolleranza è un concetto, state attenti
che non fa distinzione fra immigrati e residenti
È pe cchesto ca nun he visto ancora niente

...

Esci dalla tana il mondo é tuo - prendilo!
non ti chiederanno se ne vuoi un pò - conquistalo!
pigliatelo! dico - è tuo di diritto
non ti chiederanno se ne vuoi un pò

...

Mille destini individuali che s’intrecciano
che s’incontrano solo per il conflitto
odio contro odio- paura e pregiudizio
muro contro muro- a ciascuno il suo ghetto

Sentila sentila sentila guaglió
Sentila sentila sentila guaglió

...

Giorno dopo giorno la vita si ripete uguale
otto ore al giorno a lavorare
iusto pe stennere ’o mesale
e pe ll’affitto e ’e bullette
fa’ na cosa: nun dà retta, cosa vuoi fare progetti?
questa è la lunga attesa del nulla
è la povertà totale: pensa uguale e parla uguale
tanto vale tacere e smettere di pensare
non pensare più.
Pensare può far male a chi non ha mai avuto niente
e dal domani non si aspetta ancora niente
Nei loro occhi sfuggenti nessun lampo di rivolta
niente di niente di niente solo ostilità latente
contro l’extracomunitario che minaccia il loro niente
e così cala il sipario sopra la coscienza di classe
e con essa cala sopra le premesse stesse
di ogni cambiamento reale...
Non pensare può ammazzare!

...

99 POSSE

Post Your Comment (looking for the old comment form?)

...e che sia favoloso!!!