venerdì 10 ottobre 2008

Final Destination: Trapani



Amici favolosi, questo post è per raccontarvi l'agonia di un povero onesto pendolare e della Segesta Autolinee, società che gestisce i collegamenti da Trapani a Palermo e viceversa.



Ore 17.40 ho finito di lavorare. Corri corri alla fermata. Arrivo in tempo, ma è il pullman che si fa attendere fino alle 18.10, ma ormai ci sono abituato. Non appena vedo avvicinarsi quella una carcassa di ruggine verniciata di blu che molti si ostinano a chiamare pullman, ho una premonizione stile "final destination" e una vocina dentro di me mi dice che è meglio aspettare un'ora e prendere il prossimo. Ma la stanchezza ha la meglio e alla fine salgo sul pulmino. Ovviamente dentro la temperatura è -18 gradi
Ma a che serve l'aria condizionata a ottobre?
Ore 18.30 il pullman è già arrivato a Punta Raisi e si inizia a sentire un odoraccio di bruciato indescrivibile. Il pullman si ferma e l'autista ci avverte che non c'è acqua nel radiatore.
Ore 18.50 arriva l'omino dell'acqua, missione compiuta, adesso l'acqua c'è, ma con massimo giubilo e una punta di rubiconda gioia scopriamo che il pullman non parte lo stesso.
L'autista ci fa scendere tutti in piena autostrada e ci dice che tra poco passerà un altro pullman e se è vuoto ci imbarca. +secco+
Ore 20.10 arriva una volante della polizia facendoci notare che non si può passeggiare in autostrada. Multazza all'autista (ghighighi!)
Ore 20.20 finalmente l'avventura iniziata alle 17.40 sembra conclusa. Siamo in 65 su un pullman per 40 passeggeri, stipati come le pecore, alcuni in piedi, altri seduti per terra. Io sono fortunato: mi sono seduto accanto a un tizio che puzza di vino e cimitero stantio.
Comunque l'importante è arrivare. Vi posterò la fine della mia disavventura appena arrivo a casa... se ci arrivo!
P.S.Perché non ho dato retta alla mia preveggenza? Uffa!
Aggiornamento delle 22.19. Il pullman è finalmente arrivato alle 21.15 alla mia fermata. Ricapitolando: sono partito alle 17.40 e sono arrivato alle 21.15. Considerato il fatto che Palermo-Trapani sono sì e no 100km, qual era la velocita oraria in m\s del pullman di Tarkan?
Svolgo
100km = 100.000 m :-)
dato che il viaggio è durato 3h 35m 00ss, ossia 12.900 secondi :-O
potremo applicare la semplice proporzione:
S:T=V dove per S e T si intendono la distanza espressa in metri e per M il tempo impiegato espresso in secondi,
quindi V=S/T e
cioè v=100000/12900 +zzz+
il risultato dell'equazione diventa quindi 7.7519 arrotondato per difetto di 0.4 circa. :-S
Volendo riportare il risultato in km\h avremo quindi circa 28km\h +lol+
Se ne desume quindi che se avessi avuto la folle idea di insaiare contro il pullman con la bonanima del mio vecchio Bravo Piaggio (che notoriamente non superava i 40km\h) a quest'ora sarei giunto a casa molto ma molto prima della Segesta. ^_^
E questo conferma la storia della lepre e della tartaruga!!! B-D

2 Favolosità:

benson blu ha detto...

te lo avevamo detto che era meglio se restavi a casa oggi...ma non dovrebbero risarcirvi per tali simpatici eventi griffati segesta??
oggi ho firmato il contratto da mercoledì si torna a scuola..che palle!!un contratto alquanto ambiguo..non riescono a garantirci lo stipendio mensile, nel senso che non dobbiamo aspettarci lo stipendio ogni mese, ma solo attendere..la provincia potrebbe pagarci anche a fine servizio tutto insieme..che ne dite??quanta sorte ho??tra il call center e questo non so quale sia il minore dei mali..notte

Tarkan ha detto...

Coraggio anch'io molto presto potrò soltanto attendere... nel senzio che in cassa sono rimasti soldi fino al 15 di novembre e poi... poi chissà, magari arrivano altri soldi o magari si chiude per fallimento. Alitalia ci deve 7 milioni di euro e noi siamo indebitati verso le banche per 3.5 milioni di euro. Ergo se non arriva qualche spicciolo in tasca potrei fare il mio primo Natale da disoccupato

Post Your Comment (looking for the old comment form?)

...e che sia favoloso!!!